Memes, Vitas, and Dice: Concorso di
 scnittura
 Partecipante 9
concorsodiscrittura_dof_p PATTEGGIAMENTI. Cammino. Le gambe si muovono veloci sull'asfalto bagnato. Il mio cuore batte all'impazzata. Non sento i rumori della città, ma solo il mio respiro. Non mi volto, tengo i pugni serrati nelle tasche della felpa, lo sguardo basso. Però lo sento, so che c'è, che è proprio dietro di me. Non ho il coraggio di voltarmi. Percepisco il suo alito fetido sulla mia spalla. Attraverso il tessuto della felpa sento una mano che mi stringe il braccio in una morsa gelida. Inizio a correre, il cuore più veloce dei miei pensieri, il respiro irregolare. "Non voltarti, non voltarti, non voltarti, non lasciare che vinca un'altra volta..." Ripeto dentro di me, per darmi la forza di continuare. Sento quattro parole provenire da tutto intorno a me, come se lui fosse dappertutto. Dice: "Tu non hai scampo." E so che ha ragione, l'ho sempre saputo. Non c'è mai stata speranza. Così, con il fiatone e il cuore che sembra fermarsi e il tempo dilaniarsi, mi volto. Lentamente, la paura che si impossessa del mio corpo. Il vicolo in cui mi trovo è buio e poco illuminato, ma riesco comunque a vederlo. Si erge imponente sopra di me, ha il corpo rosso divorato dalle fiamme, due corna che gli spuntano dal cranio, gli occhi ardenti e interamente purpurei. La sua lunga coda appuntita e corrazzata si agita intorno alle fiamme. Il suo tridente, rosso anche quello, mi incute timore, come lui del resto. "Ci rivediamo, Ty." La sua voce, bassa e profonda, sembra provenire dagli Inferi. Mi guarda intensamente nelle pupille. Sento un brivido percorrermi la schiena, ma tutto ad un tratto non sento più terrore o paura. Sento solo una grande eccitazione e voglia di vivere, una perversa e sfrenata vita. I miei occhi s'incendiano di rosso e di fiamme, divento qualcun'altro. "Sono venuto a patteggiare." Proferisce lui. Sul viso mi si dipinge un sorrisetto malefico. Certo, non vedo l'ora di pattegiare con il Diavolo. [Scritto da @psicopaticax ] -JLaw

concorsodiscrittura_dof_p PATTEGGIAMENTI. Cammino. Le gambe si muovono veloci sull'asfalto bagnato. Il mio cuore batte all'impazzata. Non sento i rumori della città, ma solo il mio respiro. Non mi volto, tengo i pugni serrati nelle tasche della felpa, lo sguardo basso. Però lo sento, so che c'è, che è proprio dietro di me. Non ho il coraggio di voltarmi. Percepisco il suo alito fetido sulla mia spalla. Attraverso il tessuto della felpa sento una mano che mi stringe il braccio in una morsa gelida. Inizio a correre, il cuore più veloce dei miei pensieri, il respiro irregolare. "Non voltarti, non voltarti, non voltarti, non lasciare che vinca un'altra volta..." Ripeto dentro di me, per darmi la forza di continuare. Sento quattro parole provenire da tutto intorno a me, come se lui fosse dappertutto. Dice: "Tu non hai scampo." E so che ha ragione, l'ho sempre saputo. Non c'è mai stata speranza. Così, con il fiatone e il cuore che sembra fermarsi e il tempo dilaniarsi, mi volto. Lentamente, la paura che si impossessa del mio corpo. Il vicolo in cui mi trovo è buio e poco illuminato, ma riesco comunque a vederlo. Si erge imponente sopra di me, ha il corpo rosso divorato dalle fiamme, due corna che gli spuntano dal cranio, gli occhi ardenti e interamente purpurei. La sua lunga coda appuntita e corrazzata si agita intorno alle fiamme. Il suo tridente, rosso anche quello, mi incute timore, come lui del resto. "Ci rivediamo, Ty." La sua voce, bassa e profonda, sembra provenire dagli Inferi. Mi guarda intensamente nelle pupille. Sento un brivido percorrermi la schiena, ma tutto ad un tratto non sento più terrore o paura. Sento solo una grande eccitazione e voglia di vivere, una perversa e sfrenata vita. I miei occhi s'incendiano di rosso e di fiamme, divento qualcun'altro. "Sono venuto a patteggiare." Proferisce lui. Sul viso mi si dipinge un sorrisetto malefico. Certo, non vedo l'ora di pattegiare con il Diavolo. [Scritto da @psicopaticax ] -JLaw

Concorso di scnittura Partecipante 9 concorsodiscrittura_dof_p PATTEGGIAMENTI Cammino Le gambe si muovono veloci sull'asfalto bagnato Il mio cuore batte all'impazzata Non sento i rumori della città ma solo il mio respiro Non mi volto tengo i pugni serrati nelle tasche della felpa lo sguardo basso Però lo sento so che c'è che è proprio dietro di me Non ho il coraggio di voltarmi Percepisco il suo alito fetido sulla mia spalla Attraverso il tessuto della felpa sento una mano che mi stringe il braccio in una morsa gelida Inizio a correre il cuore più veloce dei miei pensieri il respiro irregolare Non voltarti non voltarti non voltarti non lasciare che vinca un'altra volta Ripeto dentro di me per darmi la forza di continuare Sento quattro parole provenire da tutto intorno a me come se lui fosse dappertutto Dice Tu non hai scampo E so che ha ragione l'ho sempre saputo Non c'è mai stata speranza Così con il fiatone e il cuore che sembra fermarsi e il tempo dilaniarsi mi volto Lentamente la paura che si impossessa del mio corpo Il vicolo in cui mi trovo è buio e poco illuminato ma riesco comunque a vederlo Si erge imponente sopra di me ha il corpo rosso divorato dalle fiamme due corna che gli spuntano dal cranio gli occhi ardenti e interamente purpurei La sua lunga coda appuntita e corrazzata si agita intorno alle fiamme Il suo tridente rosso anche quello mi incute timore come lui del resto Ci rivediamo Ty La sua voce bassa e profonda sembra provenire dagli Inferi Mi guarda intensamente nelle pupille Sento un brivido percorrermi la schiena ma tutto ad un tratto non sento più terrore o paura Sento solo una grande eccitazione e voglia di vivere una perversa e sfrenata vita I miei occhi s'incendiano di rosso e di fiamme divento qualcun'altro Sono venuto a patteggiare Proferisce lui Sul viso mi si dipinge un sorrisetto malefico Certo non vedo l'ora di pattegiare con il Diavolo Scritto da @psicopaticax -JLaw Meme

found @ 138 likes ON 2017-08-11 01:01:12 BY ME.ME

source: instagram