🔥 Popular | Latest

Chi di voi vorrebbe fare lo stesso record?! Sinceri peró 😜😍🤗 Cassandra de Pecol alla fine ce l'ha fatta: a 27 anni è riuscita a visitare tutti i 196 Paesi del pianeta in soli 18 mesi, stabilendo il record come prima donna a compiere una simile impresa. Partita nel luglio del 2015 dal suo paese natale in Connecticut, dopo una crisi esistenziale e la decisione di dare un senso alla sua vita, ha viaggiato in solitaria con un sogno: quello di mettere la sua bandierina in ogni stato del mondo,battendo il record maschile detenuto da Yili Liu, riuscito nell'intento di visitare il pianeta in poco più di tre anni. Il suo desiderio alla fine si è avverato: la giovane globetrotter ce l'ha fatta, anche se - ammette - "non è stato così facile come potrebbe sembrare". La sua avventura, soprannominata "Expedition 196", è stata seguita da centinaia di utenti sui social network, che hanno preso ispirazione dalla sua scelta. Dalla Corea del Nord all'Australia, dalla Thailandia alla Siria: la giovane si è trovata non soltanto di fronte a scenari e a culture sempre nuove, ma anche davanti a sfide e a problemi. L'incoraggiamento da parte della rete è stato, quindi, fondamentale. Alcuni utenti, però, si sono mostrati scettici di fronte al suo stile di vita "da vacanza": come riuscire a compiere un viaggio simile in così poco tempo? E a quale prezzo? Per coronare il suo sogno, Cassie ha speso circa 198mila dollari, una somma che è stata coperta quasi interamente dagli sponsor. Molte grandi aziende non hanno esitato a supportarla: d'altronde quella che stava tentando era un'impresa unica nel suo genere. ______________________________ curiosita curiosità viaggiare viaggi record ragazza mondo viaggio girodelmondo geografia scuola vita: Cassie de Pecol, 27 anni ha visitato tutti i 196 Paesi del Pianeta in soli 18 mesi, stabilendo un record assoluto. o- 42 INSANECURIOSITY Chi di voi vorrebbe fare lo stesso record?! Sinceri peró 😜😍🤗 Cassandra de Pecol alla fine ce l'ha fatta: a 27 anni è riuscita a visitare tutti i 196 Paesi del pianeta in soli 18 mesi, stabilendo il record come prima donna a compiere una simile impresa. Partita nel luglio del 2015 dal suo paese natale in Connecticut, dopo una crisi esistenziale e la decisione di dare un senso alla sua vita, ha viaggiato in solitaria con un sogno: quello di mettere la sua bandierina in ogni stato del mondo,battendo il record maschile detenuto da Yili Liu, riuscito nell'intento di visitare il pianeta in poco più di tre anni. Il suo desiderio alla fine si è avverato: la giovane globetrotter ce l'ha fatta, anche se - ammette - "non è stato così facile come potrebbe sembrare". La sua avventura, soprannominata "Expedition 196", è stata seguita da centinaia di utenti sui social network, che hanno preso ispirazione dalla sua scelta. Dalla Corea del Nord all'Australia, dalla Thailandia alla Siria: la giovane si è trovata non soltanto di fronte a scenari e a culture sempre nuove, ma anche davanti a sfide e a problemi. L'incoraggiamento da parte della rete è stato, quindi, fondamentale. Alcuni utenti, però, si sono mostrati scettici di fronte al suo stile di vita "da vacanza": come riuscire a compiere un viaggio simile in così poco tempo? E a quale prezzo? Per coronare il suo sogno, Cassie ha speso circa 198mila dollari, una somma che è stata coperta quasi interamente dagli sponsor. Molte grandi aziende non hanno esitato a supportarla: d'altronde quella che stava tentando era un'impresa unica nel suo genere. ______________________________ curiosita curiosità viaggiare viaggi record ragazza mondo viaggio girodelmondo geografia scuola vita

Chi di voi vorrebbe fare lo stesso record?! Sinceri peró 😜😍🤗 Cassandra de Pecol alla fine ce l'ha fatta: a 27 anni è riuscita a visitare...

Save
Nel carcere di massima sicurezza di Halden, in Norvegia, nessuna finestra è sbarrata. Visto da fuori, potrebbe sembrare un campus universitario o un ospedale. Lungo le mura del carcere non ci sono né filo spinato né guardie armate a pattugliare, ma solo alberi di pino e betulle. Eppure, finora nessun detenuto ha mai cercato di fuggire. I prigionieri hanno una stanza privata con televisione a schermo piatto, una doccia, un frigo e mobili in legno. Trascorrono la maggior parte della giornata fuori dalla loro cella. Possono giocare a baseball, fare jogging e allenarsi sulle pareti da arrampicata. La durata massima delle sentenze in Norvegia, anche per gli omicidi, è di 21 anni. Le prigioni cercano dunque di preparare i detenuti al ritorno nella società e per questo ricreano un ambiente simile a quello al di fuori del carcere. La filosofia del sistema giudiziario norvegese è “meglio fuori che dentro”: il periodo in carcere deve servire non a punire, ma a riabilitare il prigioniero.: Miti Da Sfatare In Norvegia le prigioni sono provviste di ogni comfort REAL Fonte: Ilpost.it Nel carcere di massima sicurezza di Halden, in Norvegia, nessuna finestra è sbarrata. Visto da fuori, potrebbe sembrare un campus universitario o un ospedale. Lungo le mura del carcere non ci sono né filo spinato né guardie armate a pattugliare, ma solo alberi di pino e betulle. Eppure, finora nessun detenuto ha mai cercato di fuggire. I prigionieri hanno una stanza privata con televisione a schermo piatto, una doccia, un frigo e mobili in legno. Trascorrono la maggior parte della giornata fuori dalla loro cella. Possono giocare a baseball, fare jogging e allenarsi sulle pareti da arrampicata. La durata massima delle sentenze in Norvegia, anche per gli omicidi, è di 21 anni. Le prigioni cercano dunque di preparare i detenuti al ritorno nella società e per questo ricreano un ambiente simile a quello al di fuori del carcere. La filosofia del sistema giudiziario norvegese è “meglio fuori che dentro”: il periodo in carcere deve servire non a punire, ma a riabilitare il prigioniero.

Nel carcere di massima sicurezza di Halden, in Norvegia, nessuna finestra è sbarrata. Visto da fuori, potrebbe sembrare un campus univers...

Save
yknow i really liked the name jacob or jake for short but then jacob sartorius existed and i was like fuck no future son of mine will share a name with that!! then he became irrelevant and i went back to liking the name but then jake paul came into vision and now i have given up on everything luckily i do not have to worry about naming anyone but my sims thank u i have to go steal some more memes now: nd l drop some new merch and it's selling like a god church Recently, I have produced some new merchandise, and it is being sold to the human race in a way l would describe as being likea god church. As of the latterly, I, Jake Paul, the name of myself given by my dearest motherly mother, have constituted a range of commodities for my dearest devotees in the form and shape of products such as clothing, novelties, and souveneirs in exchange for their wherewithal, and since l am an ilustrious celebrity known for music videos, it is proceeding quite rapidly to say the least, so much so that shall describe it as being the non-existant and quite clearly foolish word known as a "god church" At this very moment in time, on our very advanced and technical planet know as the, and I quote·'Earth", l, a homosapen given thy name、quote."Jake Paul. by my also homosapien parents, have composed a varned line of stock, known by many homosapiens orn the planet Earth known as .merchandise* or-merch·if you are lackadaisical, to my gratious and superlatve advcocates, and the legal tender is coming in very expeditiously, which undeniably concludes me to domineenng that my·as mentioned before varied line of stock is merchandising quito pleasing to my gratious superiative advocates, which leads me to a very fitting and pleasing simile to my before said statements, that it is extremely similar to the non-existant·god church. Why, this surely sounds yknow i really liked the name jacob or jake for short but then jacob sartorius existed and i was like fuck no future son of mine will share a name with that!! then he became irrelevant and i went back to liking the name but then jake paul came into vision and now i have given up on everything luckily i do not have to worry about naming anyone but my sims thank u i have to go steal some more memes now
Save
UN UCCELLO DISPETTOSO Il pinguino di Adelia (Pygoscelis adeliae) è la specie più diffusa in Antartide e anche se appare innocuo può avere dei comportamenti che possono apparire sconvolgenti. Spesso i membri di questa specie si ritrovano a gruppi sulle scogliere a picco sul mare per eseguire un tuffo sincronizzato, infatti la possibilità di non essere preda delle foche leopardo, diminuisce all'aumentare del numero dei pinguini. Inoltre capita spesso che alcuni esemplari inducano i compagni a tuffarsi con delle finte, per poi affacciarsi giù dalla scogliera in modo tale da verificare la presenza di foche leopardo, oppure spingendoli da dietro, sacrificando così alcuni compagni. Questo tratto comportamentale è tipico delle comunità egoiste. Ma hanno anche altri aspetti, come documentò nel 1910 il naturalista Gorge Levick. Nei suoi scritti parla di: necrofilia, coercizione sessuale di adulti e piccoli, autoerotismo, dipendenza sessuale, omosessualità. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com Tagga un tuo amico ! 📚 pinguino spinta animali natura divulgazione curiosità different bedifferent: different ANIMALI Il pinguino di Adelia spinge in acqua un altro suo simile allo scopo di verificare se l'area è sicura e priva di predatori. thedifferentgroup.com Fonte: Wikipedia UN UCCELLO DISPETTOSO Il pinguino di Adelia (Pygoscelis adeliae) è la specie più diffusa in Antartide e anche se appare innocuo può avere dei comportamenti che possono apparire sconvolgenti. Spesso i membri di questa specie si ritrovano a gruppi sulle scogliere a picco sul mare per eseguire un tuffo sincronizzato, infatti la possibilità di non essere preda delle foche leopardo, diminuisce all'aumentare del numero dei pinguini. Inoltre capita spesso che alcuni esemplari inducano i compagni a tuffarsi con delle finte, per poi affacciarsi giù dalla scogliera in modo tale da verificare la presenza di foche leopardo, oppure spingendoli da dietro, sacrificando così alcuni compagni. Questo tratto comportamentale è tipico delle comunità egoiste. Ma hanno anche altri aspetti, come documentò nel 1910 il naturalista Gorge Levick. Nei suoi scritti parla di: necrofilia, coercizione sessuale di adulti e piccoli, autoerotismo, dipendenza sessuale, omosessualità. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com Tagga un tuo amico ! 📚 pinguino spinta animali natura divulgazione curiosità different bedifferent

UN UCCELLO DISPETTOSO Il pinguino di Adelia (Pygoscelis adeliae) è la specie più diffusa in Antartide e anche se appare innocuo può avere...

Save
LA LAMPADA VERDE ALLE MICROALGHE DI PIERRE CALLEJA Alle porte di Bordeaux, in Francia, l’azienda Fermentalg ha ideato una lampada innovativa, frutto, in particolare, dell’ingegno del biochimico francese, Pierre Calleja, fondatore nel 2009 della Fermentalg, che ha sviluppato tecnologie per l’allevamento delle microalghe, utilizzandole nella produzione industriale di molecole di interesse per un’ampia varietà di mercati, dagli alimenti, ai mangimi, alla salute, passando per cosmetici e biocarburanti, sino alla lampada in questione, molto simile a quelle fluorescenti dal design spaziale e accattivante poste sui nostri comodini, solo che di dimensioni più grandi; un tubo cilindrico contenente tante microalghe, che sarebbe in grado di assorbire dall’aria 1 tonnellata di carbonio ogni anno (l’equivalente di ciò che potrebbero fare circa 150 alberi), se collocata come lampione verde sulle strade e sui parcheggi, riducendo di molto le emissioni di anidride carbonica. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com Tagga un tuo amico ! 📚 alghe lampada natura ambiente scienza divulgazione curiosità different bedifferent: different SCIENZA Il biochimico Pierre Calleja ha realizzato una lampada ecologica che assorbe l'anidride carbonica, funzionando senza elettricita ed alimentata da un tubo che contiene delle alghe luminose. thedifferentgroup.com Fonte: TEDx LA LAMPADA VERDE ALLE MICROALGHE DI PIERRE CALLEJA Alle porte di Bordeaux, in Francia, l’azienda Fermentalg ha ideato una lampada innovativa, frutto, in particolare, dell’ingegno del biochimico francese, Pierre Calleja, fondatore nel 2009 della Fermentalg, che ha sviluppato tecnologie per l’allevamento delle microalghe, utilizzandole nella produzione industriale di molecole di interesse per un’ampia varietà di mercati, dagli alimenti, ai mangimi, alla salute, passando per cosmetici e biocarburanti, sino alla lampada in questione, molto simile a quelle fluorescenti dal design spaziale e accattivante poste sui nostri comodini, solo che di dimensioni più grandi; un tubo cilindrico contenente tante microalghe, che sarebbe in grado di assorbire dall’aria 1 tonnellata di carbonio ogni anno (l’equivalente di ciò che potrebbero fare circa 150 alberi), se collocata come lampione verde sulle strade e sui parcheggi, riducendo di molto le emissioni di anidride carbonica. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com Tagga un tuo amico ! 📚 alghe lampada natura ambiente scienza divulgazione curiosità different bedifferent

LA LAMPADA VERDE ALLE MICROALGHE DI PIERRE CALLEJA Alle porte di Bordeaux, in Francia, l’azienda Fermentalg ha ideato una lampada innovat...

Save
Ecco la storia: Figlio: "Papà, posso farti una domanda?" Papà: "Certo, di cosa si tratta?" Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?" Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?" Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?" Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno 100 dollari in un ora" Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso) Figlio: "Papà, mi presteresti 50 dollari?" Il padre si infuriò. Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto. Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile." Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta. L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla domanda del ragazzo. 'Come ha avuto il coraggio di farmi una domanda simile solo per avere dei soldi?' Dopo un ora o poco più, l'uomo si calmò, e cominciò a pensare: 'Forse c'era qualcosa di cui aveva davvero bisogno da comprare con 50 dollari, non chiede dei soldi molto spesso.' L'uomo andò nella stanza del piccolo bambino e aprì la porta. Papà: "Stai dormendo, figlio?" Figlio: "No papà, sono sveglio". Papà: "Stavo pensando, forse sono stato troppo duro con te prima. È stato un giorno faticoso per me oggi e mi sono scaricato su di te. Questi sono i 50 dollari che mi hai chiesto". Il piccolo bambino si sedette subito e cominciò a sorridere. Figlio: "Oh, grazie papà!" Dopo, da sotto il suo cuscino ha tirato via delle banconote stropicciate. L'uomo vide che il bambino aveva già dei soldi, e iniziò ad infuriarsi di nuovo. Il piccolo bambino iniziò lentamente a contare i suoi soldi, e dopo guardò il padre. Papà: "Perché vuoi altri soldi se ne hai già"? Figlio: "Perché non ne avevo abbastanza, ma adesso si". "Papà, ho 100 dollari adesso. Posso comprare un ora del tuo tempo? Per favore vieni prima domani. Mi piacerebbe cenare con te." Il padre rimase impietrito. Mise le sue braccio attorno al suo bambino e lo implorò di perdonarlo. stopsfs: Figlio: "Papa, posso farti una domanda?" Papa: "Certo, di cosa si tratta?" Figlio: "Papa, quanti soldi guadagni in un ora? Papa: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?" Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?" Papa: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno 30€ in un ora Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso) Figlio: "Papa, mi presteresti 15€? Il padre si infurio. LEGGI SOTTO STOP SFS Ecco la storia: Figlio: "Papà, posso farti una domanda?" Papà: "Certo, di cosa si tratta?" Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora?" Papà: "Non sono affari tuoi. Perché mi fai una domanda del genere?" Figlio: "Volevo solo saperlo. Per favore dimmelo, quanti soldi guadagni in un ora?" Papà: "Se proprio lo vuoi sapere, guadagno 100 dollari in un ora" Figlio: "Oh! (con la testa rivolta verso il basso) Figlio: "Papà, mi presteresti 50 dollari?" Il padre si infuriò. Papà: "La sola ragione per cui me lo hai chiesto era per chiedermi in prestito dei soldi per comprare uno stupido giocattolo o qualche altra cosa senza senso, adesso tu fili dritto per la tua stanza e vai a letto. Pensa al perché stai diventando così egoista. Io lavoro duro ogni giorno per questo atteggiamento infantile." Il piccolo bambino andrò in silenzio nella sua stanza e chiuse la porta. L'uomo si sedette e diventò ancora più arrabbiato pensando alla domanda del ragazzo. 'Come ha avuto il coraggio di farmi una domanda simile solo per avere dei soldi?' Dopo un ora o poco più, l'uomo si calmò, e cominciò a pensare: 'Forse c'era qualcosa di cui aveva davvero bisogno da comprare con 50 dollari, non chiede dei soldi molto spesso.' L'uomo andò nella stanza del piccolo bambino e aprì la porta. Papà: "Stai dormendo, figlio?" Figlio: "No papà, sono sveglio". Papà: "Stavo pensando, forse sono stato troppo duro con te prima. È stato un giorno faticoso per me oggi e mi sono scaricato su di te. Questi sono i 50 dollari che mi hai chiesto". Il piccolo bambino si sedette subito e cominciò a sorridere. Figlio: "Oh, grazie papà!" Dopo, da sotto il suo cuscino ha tirato via delle banconote stropicciate. L'uomo vide che il bambino aveva già dei soldi, e iniziò ad infuriarsi di nuovo. Il piccolo bambino iniziò lentamente a contare i suoi soldi, e dopo guardò il padre. Papà: "Perché vuoi altri soldi se ne hai già"? Figlio: "Perché non ne avevo abbastanza, ma adesso si". "Papà, ho 100 dollari adesso. Posso comprare un ora del tuo tempo? Per favore vieni prima domani. Mi piacerebbe cenare con te." Il padre rimase impietrito. Mise le sue braccio attorno al suo bambino e lo implorò di perdonarlo. stopsfs

Ecco la storia: Figlio: "Papà, posso farti una domanda?" Papà: "Certo, di cosa si tratta?" Figlio: "Papà, quanti soldi guadagni in un ora...

Save