🔥 Popular | Latest

Un ringraziamento a @megic_pizza per la curiosità. Dovete sapere che l'aroma di vaniglia non deriva sempre dai baccelli che tutti conosciamo. Quando vi dicono che non sapete cosa c'è nel cibo che mangiate si riferiscono proprio a queste cose qua. Molte caramelle o prodotti da forno contengono il Castoreum, una secrezione delle ghiandole anali del castoro che viene utilizzato come aroma di vaniglia. Negli Usa, infatti, la Food and Drug Administration la considera come un additivo "generalmente sicuro" che gli scienziati alimentari aggiungono nelle loro ricette, dai gelati alle caramelle. Ora, sicuramente non lo troverete nei prodotti molto famosi, perché tutto ciò alzerebbe un polverone, ma nel resto dei cibi aromatizzati potete stare ben sicuri che ne troverete.: Miti Da Sfatare Gran parte dell'aroma di vaniglia usato in campo alimentare deriva dal cu*o dei castori Fonte: Ilfattoalimentare.it Un ringraziamento a @megic_pizza per la curiosità. Dovete sapere che l'aroma di vaniglia non deriva sempre dai baccelli che tutti conosciamo. Quando vi dicono che non sapete cosa c'è nel cibo che mangiate si riferiscono proprio a queste cose qua. Molte caramelle o prodotti da forno contengono il Castoreum, una secrezione delle ghiandole anali del castoro che viene utilizzato come aroma di vaniglia. Negli Usa, infatti, la Food and Drug Administration la considera come un additivo "generalmente sicuro" che gli scienziati alimentari aggiungono nelle loro ricette, dai gelati alle caramelle. Ora, sicuramente non lo troverete nei prodotti molto famosi, perché tutto ciò alzerebbe un polverone, ma nel resto dei cibi aromatizzati potete stare ben sicuri che ne troverete.

Un ringraziamento a @megic_pizza per la curiosità. Dovete sapere che l'aroma di vaniglia non deriva sempre dai baccelli che tutti conosci...

Save
Sicuramente uno degli esperimenti più originali ed impegnativi condotti negli ultimi anni è quello di Nichel Dansel, autore francese che ha pubblicato nel 2004 un intero romanzo scritto senza verbi. Il libro, intitolato Le Train del Nulle Part (il Treno da Nessun Posto) conta 233 pagine, e non una singola forma verbale vi compare. Ma perchè condurre un esperimento di questo genere, dannandosi la vita per sviluppare una narrazione nonostante il terribile limite di non utilizzare alcun verbo? Per usare le parole dell’autore: “Il verbo è come l’erbaccia in un campo di fiori. Devi sbarazzartene per consentire ai fiori di crescere e sbocciare. Eliminate i verbi ed il linguaggio parlerà da solo”. Ma com'è un libro senza verbi? Eccovene un breve estratto “Che fortuna! Un posto vuoto, quasi, in questo scompartimento. Una fermata provvisoria, perchè no! Allora, la mia nuova locazione all’interno di questo treno da nessun posto: vettura 12, terzo scompartimento in senso di marcia. Ancora una volta, perchè no?”: Miti Da Sfatare Il francese Nichel Denselha scritto un libro di 233 pagine senza usare neanche un verbo Fonte: Focus it Sicuramente uno degli esperimenti più originali ed impegnativi condotti negli ultimi anni è quello di Nichel Dansel, autore francese che ha pubblicato nel 2004 un intero romanzo scritto senza verbi. Il libro, intitolato Le Train del Nulle Part (il Treno da Nessun Posto) conta 233 pagine, e non una singola forma verbale vi compare. Ma perchè condurre un esperimento di questo genere, dannandosi la vita per sviluppare una narrazione nonostante il terribile limite di non utilizzare alcun verbo? Per usare le parole dell’autore: “Il verbo è come l’erbaccia in un campo di fiori. Devi sbarazzartene per consentire ai fiori di crescere e sbocciare. Eliminate i verbi ed il linguaggio parlerà da solo”. Ma com'è un libro senza verbi? Eccovene un breve estratto “Che fortuna! Un posto vuoto, quasi, in questo scompartimento. Una fermata provvisoria, perchè no! Allora, la mia nuova locazione all’interno di questo treno da nessun posto: vettura 12, terzo scompartimento in senso di marcia. Ancora una volta, perchè no?”

Sicuramente uno degli esperimenti più originali ed impegnativi condotti negli ultimi anni è quello di Nichel Dansel, autore francese che...

Save
"Quell'idiota cominciò ad insultare tutta la mia famiglia. Cominciò con mia madre, poi i miei nonni, mio padre è tutto l'albero genealogico. Non so cosa gli fosse preso. Io ero in campo e lo guardavo. Pensavo: "ma chi diavolo è questo? Ma cosa vuole da me?" La cosa che mi dava fastidio era la cattiveria nei suoi occhi... quando venni espulso, per un fallo su Richard Shaw, decisi di avviarmi direttamente negli spogliatoi... stavo per incamminarmi quando sentii di nuovo quella voce fastidiosa. Era quel ragazzo che stava insultando mia madre. Partii di scatto e con un calcio volante lo presi in pieno. Ricordo il rumore del pubblico che fece un assordante: "Hooo!!!". Di tutto questo non mi sono pentito... anzi, dopo il mio gesto ho pensato: " LO DOVEVO AMMAZZARE!!! ". Credo che se non mi avessero fermato, di quel ragazzo chiamato Matthew Simmons non avremmo più sentito parlare". [Erik Cantona]: Ee C >Qi "Quell'idiota cominciò ad insultare tutta la mia famiglia. Cominciò con mia madre, poi i miei nonni, mio padre è tutto l'albero genealogico. Non so cosa gli fosse preso. Io ero in campo e lo guardavo. Pensavo: "ma chi diavolo è questo? Ma cosa vuole da me?" La cosa che mi dava fastidio era la cattiveria nei suoi occhi... quando venni espulso, per un fallo su Richard Shaw, decisi di avviarmi direttamente negli spogliatoi... stavo per incamminarmi quando sentii di nuovo quella voce fastidiosa. Era quel ragazzo che stava insultando mia madre. Partii di scatto e con un calcio volante lo presi in pieno. Ricordo il rumore del pubblico che fece un assordante: "Hooo!!!". Di tutto questo non mi sono pentito... anzi, dopo il mio gesto ho pensato: " LO DOVEVO AMMAZZARE!!! ". Credo che se non mi avessero fermato, di quel ragazzo chiamato Matthew Simmons non avremmo più sentito parlare". [Erik Cantona]

"Quell'idiota cominciò ad insultare tutta la mia famiglia. Cominciò con mia madre, poi i miei nonni, mio padre è tutto l'albero genealogi...

Save
COS'È IL GINANDROMORFISMO? Condizione per cui un individuo ( ginandromorfo), appartenente a una specie a sessi separati e dimorfici, appare composto da parti aventi caratteri maschili e altre con caratteri femminili. È dovuto alla distribuzione non bilanciata dei cromosomi sessuali durante una divisione cellulare nei primi stadi dello sviluppo embrionale. I casi più tipici si trovano negli insetti e può essere di 3 tipi: bilaterale, quando la parte sinistra del corpo corrisponde a un sesso e la destra al sesso opposto; a mosaico, quando le aree maschili e femminili variamente estese hanno una distribuzione irregolare; trasversale, quando la parte anteriore e posteriore dell’animale sono di sesso opposto, o frontale, quando lo stesso si verifica fra la porzione dorsale e ventrale dell’animale. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com Tagga un tuo amico ! 📚 farfalla animali scienza divulgazione curiosità different bedifferent: ANIMALI Questa farfalla per meta maschio e per meta femmina thedifferentgroup.com Fonte: BBC COS'È IL GINANDROMORFISMO? Condizione per cui un individuo ( ginandromorfo), appartenente a una specie a sessi separati e dimorfici, appare composto da parti aventi caratteri maschili e altre con caratteri femminili. È dovuto alla distribuzione non bilanciata dei cromosomi sessuali durante una divisione cellulare nei primi stadi dello sviluppo embrionale. I casi più tipici si trovano negli insetti e può essere di 3 tipi: bilaterale, quando la parte sinistra del corpo corrisponde a un sesso e la destra al sesso opposto; a mosaico, quando le aree maschili e femminili variamente estese hanno una distribuzione irregolare; trasversale, quando la parte anteriore e posteriore dell’animale sono di sesso opposto, o frontale, quando lo stesso si verifica fra la porzione dorsale e ventrale dell’animale. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com Tagga un tuo amico ! 📚 farfalla animali scienza divulgazione curiosità different bedifferent

COS'È IL GINANDROMORFISMO? Condizione per cui un individuo ( ginandromorfo), appartenente a una specie a sessi separati e dimorfici, appa...

Save
Dovete sapere che la gente di Chicago aveva paura ad uscire di casa negli anni ’70 per via della "legge dei brutti". Semplicemente era illegale farsi vedere in pubblico per le persone "brutte", cioè con malformazioni, malattie o fattezze che potessero risultare repellenti e disgustose per le povere persone che incrociavano per strada. Cosa significasse poi "troppo brutto per uscire di casa" non l'ha mai saputo nessuno, forse giudicavano i poliziotti al momento del reato. Fatto sta che se una persona dall’aspetto poco piacevole veniva trovata in giro, poteva pagare 50$ di multa per ogni passante che aveva turbato. La legge poi è stata abolita per fortuna nel 1974, così adesso tutti i brutti possono vagare per gli Stati Uniti senza problemi.: Miti Da Sfatare Fino al 1974 una legge vietava a chi era brutto di apparire in pubblico a Chicago Fonte: Ilpost.it Dovete sapere che la gente di Chicago aveva paura ad uscire di casa negli anni ’70 per via della "legge dei brutti". Semplicemente era illegale farsi vedere in pubblico per le persone "brutte", cioè con malformazioni, malattie o fattezze che potessero risultare repellenti e disgustose per le povere persone che incrociavano per strada. Cosa significasse poi "troppo brutto per uscire di casa" non l'ha mai saputo nessuno, forse giudicavano i poliziotti al momento del reato. Fatto sta che se una persona dall’aspetto poco piacevole veniva trovata in giro, poteva pagare 50$ di multa per ogni passante che aveva turbato. La legge poi è stata abolita per fortuna nel 1974, così adesso tutti i brutti possono vagare per gli Stati Uniti senza problemi.

Dovete sapere che la gente di Chicago aveva paura ad uscire di casa negli anni ’70 per via della "legge dei brutti". Semplicemente era il...

Save
L'IMPORTANTE È ESSERE RICCHI NELL'ANIMO Yu Youzhen nasce povera. Negli anni '80 faceva la contadina nel distretto di Wuhan in Cina e dall'alba al tramonto lavorava per mettere da parte quei soldi che dopo tanti anni gli hanno consentito di acquistare una casa a tre piani nella campagna. Nel 2008, grazie alle nuove politiche governative sul recupero dei terreni agricoli, ha rivenduto la casa al governo ricavandone ben ventuno appartamenti. Dei 21, 4 li ha rivenduti e può a tutti gli effetti considerarsi una milionaria. Ma Yu ha deciso di lavorare come operatore sanitario per le strade, con uno stipendio mensile di 1420 yuan, pari a circa 173 euro. Si alza tutti i giorni alle tre di mattina e ha un giorno libero a settimana. A chi le chiede perché tanto sacrificio, Yu risponde: "Voglio dare un esempio ai miei figli. Non si può starsene a casa semplicemente e mangiarsi un'intera fortuna". Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com 📚 milionario donna lavoro scuola curiosità different bedifferent: different ATTUALITA Yu Youzhen, una milionaria cinese, lavora come spazzina per dare il buon esempio ai suoi figli the differentgroup.com Fonte: Business Insider L'IMPORTANTE È ESSERE RICCHI NELL'ANIMO Yu Youzhen nasce povera. Negli anni '80 faceva la contadina nel distretto di Wuhan in Cina e dall'alba al tramonto lavorava per mettere da parte quei soldi che dopo tanti anni gli hanno consentito di acquistare una casa a tre piani nella campagna. Nel 2008, grazie alle nuove politiche governative sul recupero dei terreni agricoli, ha rivenduto la casa al governo ricavandone ben ventuno appartamenti. Dei 21, 4 li ha rivenduti e può a tutti gli effetti considerarsi una milionaria. Ma Yu ha deciso di lavorare come operatore sanitario per le strade, con uno stipendio mensile di 1420 yuan, pari a circa 173 euro. Si alza tutti i giorni alle tre di mattina e ha un giorno libero a settimana. A chi le chiede perché tanto sacrificio, Yu risponde: "Voglio dare un esempio ai miei figli. Non si può starsene a casa semplicemente e mangiarsi un'intera fortuna". Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com 📚 milionario donna lavoro scuola curiosità different bedifferent

L'IMPORTANTE È ESSERE RICCHI NELL'ANIMO Yu Youzhen nasce povera. Negli anni '80 faceva la contadina nel distretto di Wuhan in Cina e dall...

Save
LA MAESTOSA BIBLIOTECA DEL TRINITY COLLEGE La Long room della biblioteca del Trinity College a Dublino è la più grande del paese e una delle più impressionanti al mondo. Lunga quasi 65 metri ospita la bellezza di ben 200 mila volumi. È adornata da una collezioni di busti che ritraggono filosofi e autori del mondo occidentale e personalità connesse al Trinity College.Quest’ala della biblioteca fu costruita tra il 1712 e il 1732. Negli anni Cinquanta del Diciannovesimo secolo, la sala venne ampliata per far posto al crescente numero di libri che reclamavano un posto tra i suoi scaffali. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com 📚 trinitycollege biblioteca libro curiosità different bedifferent: different ITITTI KELLECT kk ARCHITETTURA Questa e la Long Room della biblioteca del Trinity College di Dublino. Una stanza di piu di 300 anni, lunga quasi 65 metri che ospita oltre 200 mila volumi thedifferentgroup.com Fonte: atlasobscura.com LA MAESTOSA BIBLIOTECA DEL TRINITY COLLEGE La Long room della biblioteca del Trinity College a Dublino è la più grande del paese e una delle più impressionanti al mondo. Lunga quasi 65 metri ospita la bellezza di ben 200 mila volumi. È adornata da una collezioni di busti che ritraggono filosofi e autori del mondo occidentale e personalità connesse al Trinity College.Quest’ala della biblioteca fu costruita tra il 1712 e il 1732. Negli anni Cinquanta del Diciannovesimo secolo, la sala venne ampliata per far posto al crescente numero di libri che reclamavano un posto tra i suoi scaffali. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com 📚 trinitycollege biblioteca libro curiosità different bedifferent
Save
UNA SCUOLA SENZA VOTI E SENZA COMPITI A Torino in via Foggia partirà a Settembre 2017 una scuola elementare dove non ci sarà il bisogno di portare lo zaino e non sarà richiesto di fare i compiti e addirittura non si daranno neanche i voti ai suoi studenti. Sarà denominata "La scuola possibile" ed è un istituto privato progettato da Laura Milani, direttore e "Ceo" dello Iaad, l'Istituto di arti applicate e design, la quale spiega che lo scopo principale dell'iniziativa è che "Il tempo per la scuola e quello della famiglia devono coesistere". Gli alunni saranno massimo 15-18 per classe "in modo da riservare a ognuno un'attenzione particolare, gli insegnamenti saranno verteranno su cinque aree: alfabetizzazione, immagine, scienza, suono e movimento con un progressivo aumento della lingua inglese per ogni anno scolastico. Si entrerà a scuola alle 8 e si uscirà alle 17, con tre moduli di lezione da 80 minuti, intervallati da lunghe pause per mangiare e giocare. I materiali didattici saranno già negli spazi adibiti alla struttura. Non ci sarà bisogno di fare alcun esercizio a casa: "Oggi i compiti non sono per i bambini, sono per le famiglie che devono assistere i propri figli nello svolgimento di lavori su cui i piccoli non possono essere autonomi" spiega la responsabile. Viceversa, spiega, "Una scuola come la nostra sceglie di responsabilizzare i bambini e renderli indipendenti, credendo nella loro intelligenza e nei loro talenti. Il tempo libero, i weekend e le vacanze sono da rispettare e impiegare in altre attività che fanno parte della scuola della vita". Per quanto riguarda la valutazione dell'apprendimento la direttrice aggiunge: "La valutazione assume un'identità diversa: gli esami si trasformano in progetti, diventano momenti di verifica attiva, strumenti interpretativi per una relazione di cui sono autori tanto i bambini quanto gli adulti". Secondo voi è giusto che in tenera età i bambini imparino in modo più interattivo? Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com 📚 studio torino educazione attualità curiosità different bedifferent: DEVOTO-OLI 2OO8 ATTUALITA A Torino sorgera una scuola elementare dove non ci sara bisogno di portare lo zaino e non saranno previsti sia compiti che voti. thedifferentgroup.com Fonte: Repubblica UNA SCUOLA SENZA VOTI E SENZA COMPITI A Torino in via Foggia partirà a Settembre 2017 una scuola elementare dove non ci sarà il bisogno di portare lo zaino e non sarà richiesto di fare i compiti e addirittura non si daranno neanche i voti ai suoi studenti. Sarà denominata "La scuola possibile" ed è un istituto privato progettato da Laura Milani, direttore e "Ceo" dello Iaad, l'Istituto di arti applicate e design, la quale spiega che lo scopo principale dell'iniziativa è che "Il tempo per la scuola e quello della famiglia devono coesistere". Gli alunni saranno massimo 15-18 per classe "in modo da riservare a ognuno un'attenzione particolare, gli insegnamenti saranno verteranno su cinque aree: alfabetizzazione, immagine, scienza, suono e movimento con un progressivo aumento della lingua inglese per ogni anno scolastico. Si entrerà a scuola alle 8 e si uscirà alle 17, con tre moduli di lezione da 80 minuti, intervallati da lunghe pause per mangiare e giocare. I materiali didattici saranno già negli spazi adibiti alla struttura. Non ci sarà bisogno di fare alcun esercizio a casa: "Oggi i compiti non sono per i bambini, sono per le famiglie che devono assistere i propri figli nello svolgimento di lavori su cui i piccoli non possono essere autonomi" spiega la responsabile. Viceversa, spiega, "Una scuola come la nostra sceglie di responsabilizzare i bambini e renderli indipendenti, credendo nella loro intelligenza e nei loro talenti. Il tempo libero, i weekend e le vacanze sono da rispettare e impiegare in altre attività che fanno parte della scuola della vita". Per quanto riguarda la valutazione dell'apprendimento la direttrice aggiunge: "La valutazione assume un'identità diversa: gli esami si trasformano in progetti, diventano momenti di verifica attiva, strumenti interpretativi per una relazione di cui sono autori tanto i bambini quanto gli adulti". Secondo voi è giusto che in tenera età i bambini imparino in modo più interattivo? Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com 📚 studio torino educazione attualità curiosità different bedifferent

UNA SCUOLA SENZA VOTI E SENZA COMPITI A Torino in via Foggia partirà a Settembre 2017 una scuola elementare dove non ci sarà il bisogno d...

Save