🔥 Popular | Latest

Oggi, 5 febbraio, è il SaferInternetDay: Bill, come partner del @movimentoeticodigitale, contribuisce a ricordare a tutti che i social non sono totalmente da demonizzare o da elogiare perché, come la maggior parte delle cose, hanno sia potenzialità che rischi da prendere in considerazione. Il Movimento ha come obiettivo quello di spiegare questo concetto nelle scuole e nelle università di tutta Italia: se volete richiedere un nostro intervento, tutte le info sono disponibili sul sito socialwarning.it PS: questa sera sarò in diretta sul mio profio @nootso_ insieme a @davidedalmaso.ddm, che, oltre ad essere il fondatore del Movimento, è anche il professore più giovane d’Italia. Se avete qualche domanda da farci seguiteci lì 😉: Bill vive in Italia. Bill non incolpa i social e il web per ogni problema perche conosce la sottile differenza tra internet e le scie chimiche. Bill sa che, come ogni cosa, hanno sia aspetti positivi che negativi Bill è intelligente. Sii come Bill SOCIAL WARNING Oggi, 5 febbraio, è il SaferInternetDay: Bill, come partner del @movimentoeticodigitale, contribuisce a ricordare a tutti che i social non sono totalmente da demonizzare o da elogiare perché, come la maggior parte delle cose, hanno sia potenzialità che rischi da prendere in considerazione. Il Movimento ha come obiettivo quello di spiegare questo concetto nelle scuole e nelle università di tutta Italia: se volete richiedere un nostro intervento, tutte le info sono disponibili sul sito socialwarning.it PS: questa sera sarò in diretta sul mio profio @nootso_ insieme a @davidedalmaso.ddm, che, oltre ad essere il fondatore del Movimento, è anche il professore più giovane d’Italia. Se avete qualche domanda da farci seguiteci lì 😉

Oggi, 5 febbraio, è il SaferInternetDay: Bill, come partner del @movimentoeticodigitale, contribuisce a ricordare a tutti che i social no...

Save
COSCIENZA: SEMPRE PIÙ VICINI A CONOSCERNE LA NATURA. La coscienza è forse uno degli ultimi enormi misteri che ci restano da affrontare. Che cos'è? Quale parte del cervello la regola e come? Oggi, abbiamo forse una chance in più per provare a comprenderne la natura. Lo scorso Febbraio un team di ricerca ha scoperto l'esistenza di un neurone molto lungo che si arrotola attorno al cervello del topo. Oltre alla sua taglia, questo neurone è speciale anche per un altro motivo. Esso si origina in una zona del cervello collegata alla coscienza. Studiarlo, potrà permetterci di conoscere di più il funzionamento di questa area cerebrale. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com Tagga un tuo amico ! 📚 neurone coscienza scienza cervello curiosità different bedifferent: ifferent SCIENZA Un gruppo di ricercatori ha scoperto in un topo il neurone piu lungo di sempre Esso ha origine in una zona del cervello che si pensa essere la sede della coscienza Fonte: Nature thedifferentgroup.com COSCIENZA: SEMPRE PIÙ VICINI A CONOSCERNE LA NATURA. La coscienza è forse uno degli ultimi enormi misteri che ci restano da affrontare. Che cos'è? Quale parte del cervello la regola e come? Oggi, abbiamo forse una chance in più per provare a comprenderne la natura. Lo scorso Febbraio un team di ricerca ha scoperto l'esistenza di un neurone molto lungo che si arrotola attorno al cervello del topo. Oltre alla sua taglia, questo neurone è speciale anche per un altro motivo. Esso si origina in una zona del cervello collegata alla coscienza. Studiarlo, potrà permetterci di conoscere di più il funzionamento di questa area cerebrale. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com Tagga un tuo amico ! 📚 neurone coscienza scienza cervello curiosità different bedifferent

COSCIENZA: SEMPRE PIÙ VICINI A CONOSCERNE LA NATURA. La coscienza è forse uno degli ultimi enormi misteri che ci restano da affrontare. C...

Save
Leonid Ivanovich Rogozov aveva 27 anni quando nel 1961 venne aggregato come medico ad una spedizione segreta di esplorazione dell'Antartico. Sbarcarono lì nel mese di febbraio e fino alla primavera le condizioni climatiche avrebbero isolato la spedizione dal resto del mondo e fu proprio in quel periodo che Rogozov si ammalò di appendicite. Fatta la diagnosi, si curò per qualche tempo con antibiotici e applicazioni fredde ma le sue condizioni andarono peggiorando velocemente (febbre, vomito). A fine aprile il chirurgo si rese conto che, senza un intervento, sarebbe andato incontro a morte sicura: c'era il rischio di perforazione del tratto gastro-intestinale. Prese così la decisione di operarsi da solo, con tre membri della spedizione addetti ad assisterlo durante l'intervento (sterilizzazione, iniezioni, ferri, lampade). In posizione semiseduta Rogozov si aiutò con uno specchio retto da uno degli improvvisati infermieri ma, per lavorare in profondità, dovette ricorrere principalmente al tatto, motivo per cui non ricorse ai guanti. L'intervento durò 45 minuti ma alla fine tutto andò per il meglio.: Miti Da Sfatare Nel 1961 un dottore Russo si tolto l'appendice da solo perché era l'unico dottore in una base segreta in Antartide Fonte: Lastampa.it Leonid Ivanovich Rogozov aveva 27 anni quando nel 1961 venne aggregato come medico ad una spedizione segreta di esplorazione dell'Antartico. Sbarcarono lì nel mese di febbraio e fino alla primavera le condizioni climatiche avrebbero isolato la spedizione dal resto del mondo e fu proprio in quel periodo che Rogozov si ammalò di appendicite. Fatta la diagnosi, si curò per qualche tempo con antibiotici e applicazioni fredde ma le sue condizioni andarono peggiorando velocemente (febbre, vomito). A fine aprile il chirurgo si rese conto che, senza un intervento, sarebbe andato incontro a morte sicura: c'era il rischio di perforazione del tratto gastro-intestinale. Prese così la decisione di operarsi da solo, con tre membri della spedizione addetti ad assisterlo durante l'intervento (sterilizzazione, iniezioni, ferri, lampade). In posizione semiseduta Rogozov si aiutò con uno specchio retto da uno degli improvvisati infermieri ma, per lavorare in profondità, dovette ricorrere principalmente al tatto, motivo per cui non ricorse ai guanti. L'intervento durò 45 minuti ma alla fine tutto andò per il meglio.
Save
PER ORA I LUPI SONO SALVI La decisione ufficiale della conferenza Stato-Regioni di giovedì 2 frebbraio sul “Piano per la conservazione e gestione del lupo in Italia" è stata un rinvio a data da definire. La riunione presieduta dal Ministro dell'Ambiente insieme ai rappresentanti delle giunte regionali si è conclusa senza l'approvazione del testo per voti insufficienti. Soprattutto per quanto riguarda la clausola che prevedeva l'abbattimento degli esemplari per casi eccezionali o di particolare gravità. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com 📚 lupo natura ambiente animali divulgazione curiosità different bedifferent: different ANIMALI Il 2 febbraio nella conferenza Stato-Regioni, stato rinviato il piano di abbattimento selettivo dei lupi, per mancanza di consenso the differentgroup.com Fonte: Repubblica PER ORA I LUPI SONO SALVI La decisione ufficiale della conferenza Stato-Regioni di giovedì 2 frebbraio sul “Piano per la conservazione e gestione del lupo in Italia" è stata un rinvio a data da definire. La riunione presieduta dal Ministro dell'Ambiente insieme ai rappresentanti delle giunte regionali si è conclusa senza l'approvazione del testo per voti insufficienti. Soprattutto per quanto riguarda la clausola che prevedeva l'abbattimento degli esemplari per casi eccezionali o di particolare gravità. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com 📚 lupo natura ambiente animali divulgazione curiosità different bedifferent

PER ORA I LUPI SONO SALVI La decisione ufficiale della conferenza Stato-Regioni di giovedì 2 frebbraio sul “Piano per la conservazione e...

Save