🔥 Popular | Latest

Save
Memes, Nasa, and Neil Armstrong: different SCIENZA Le increspature presenti sulle bandiere sulla Luna sono dovute alle caratteristiche di progettazione, mentre i movimenti sono dovuti all'effetto ripple delle vibrazioni create impiantandole. thedifferentgroup.com Fonte: Bowling Green State University 20 LUGLIO 1969, PRIMO UOMO SULLA LUNA: MITO O REALTÀ? Dopo 48 anni dal fatidico primo allunaggio degli astronauti Neil Armstrong e Buzz Aldrin, ancora circolano teorie alternative che sfiduciano le immagini fotografiche e video della NASA. Una delle tesi a favore del mito è quella riguardante le increspature e movimenti della bandiera una volta impiantata. Tutti sanno che nello spazio e anche sulla Luna vi è assenza di atmosfera e di venti che creerebbero il movimento delle bandiere. Allora per quale motivo la bandiera impiantata sulla superficie lunare dai due astronauti sembra muoversi? Semplicemente per effetto ripple, ovvero per effetto onda, generato dalle vibrazioni create nell’atto di impiantare la bandiera, effetto che, in assenza di atmosfera, è fortemente ampliato nel tempo. Mentre le increspature presenti sulla bandiera sono un effetto voluto dai progettisti che, con un tubo sulla parte superiore per sostenere la bandiera di nylon, hanno voluto darle le sembianze di essere in movimento come sostenuta dall’aria. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com Tagga un tuo amico ! 📚 apollo11 luna spazio nasa storia divulgazione curiosità different bedifferent

20 LUGLIO 1969, PRIMO UOMO SULLA LUNA: MITO O REALTÀ? Dopo 48 anni dal fatidico primo allunaggio degli astronauti Neil Armstrong e Buzz Aldr...

Save
Dell, Memes, and Uno: Miti Da Sfatare La videocamera che vede attraverso i vestiti Fonte: Curiosone.tv Siamo nel 1998, in Giappone, e una delle marche di produzione di prodotti tecnologici, famosissima all’epoca quanto ancora oggi, ovviamente con prodotti diversi, fu costretta a richiamare, ritirandole dai negozi, quasi un milione di videocamere per un motivo semplice: erano in grado di vedere attraverso i vestiti, e di fatto mettevano a nudo le persone che inquadravano. Ma come era possibile una cosa del genere, che sembra vera e propria fantascienza? In pratica, queste videocamere erano in grado di vedere e riprendere lo spettro dell’infrarosso, uno spettro che il nostro occhio non è in grado di vedere. Le videocamere ad infrarossi, ad oggi, esistono e sono utilissime anche in casa, perché permettono di vedere al buio e di individuare le variazioni di calore. Le videocamere prodotte in quel caso, però, entravano poco nell’infrarosso (quindi permettevano di vedere meno colori infrarossi, ma con un maggior dettaglio), e mescolavano la visione infrarossa a quella dello spettro della luce visibile). Per questo motivo, se venivano puntate verso una persona con un maglione, indumento che ha lo scopo di trattenere il calore, si sarebbe visto solamente il maglione, ma se la persona era in costume da bagno le cose non stavano così; se il costume ferma la luce visibile che rimbalza sulla parte centrale del seno, ma non ferma gli infrarossi, con il risultato che nelle riprese il costume si vedeva, ma si vedeva come semitrasparente lasciando così intravedere ciò che si trovava sotto, ovvero il corpo completamente nudo della persona inquadrata.
Save
Anaconda, Dell, and Dove: different O101 10000011111010101010 h 0142020000011163 0 01010000011111 0111010101010 1110000111010 110101010100 010000011111 111010101010 1110000111010 11110101010io0 3콩 91010100000111 110101010 111010101010 0111.1 101010001010101111000011101 SCIENZA Il tuo cervello compie 10.000.000.000.000.000 di calcoli al secondo. Per lavorare così tanto, consuma 25 watts di potenza e il 20 % dell'ossigeno del tuo corpo Fonte:Duke university thedifferentgroup.com Il CERVELLO: UN SUPERCALCOLATORE BIOLOGICO Per quello che ne sappiamo la cosa più complessa del nostro universo è questo supercalcolatore fatto di 100 miliardi di neuroni dove ognuno di essi è costituito da 1000 a 10000 sinapsi. Una macchina più efficiente di una lampadina a led che però fa molto di più di una fioca luce per illuminare di notte. É grazie al nostro cervello che cresciamo, pensiamo e ci esprimiamo in diversi ed infiniti modi possibili alimentando niente meno che la mente. Il nostro cervello è una macchina eccezionalmente efficiente, da svegli genera infatti dai 10 a 23 Watt, abbastanza per accendere una lampadina. Provate a trovare un computer che riesce a fare le stesse cose che fa il nostro cervello, consumando l’energia di uno spazzolino da denti elettrico. Come fa? Il principale responsabile di questa strabiliante efficienza è un’innata predisposizione del sistema cognitivo umano a funzionare per euristiche (o scorciatoie mentali), che permetterebbe di selezionare poche informazioni fra tante presenti nell’ambiente prediligendo quelle più importanti per noi e tralasciando ciò che non ci serve, che è monotono. É come quando non ci accorgiamo più del suono degli scocchi dell’orologio o di un rumore ripetitivo mentre stiamo leggendo. Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com Tagga un tuo amico ! 📚 cervello pc computer calcoli scienza divulgazione curiosità different bedifferent

Il CERVELLO: UN SUPERCALCOLATORE BIOLOGICO Per quello che ne sappiamo la cosa più complessa del nostro universo è questo supercalcolatore fa...

Save
Save
Google, Internet, and Memes: different MEDICINA Jack T. Andraka a soli 15 anni cred nel 2012 un nuovo metodo che rileva il tumore al pancreas. ll test 168 volte piu veloce, 26.667 volte meno costoso e 400 volte piu sensibile dei normali metodi di diagnosi. Costa solo 3 dollari. thedifferentgroup.com Fonte: jackandraka.com CHIUNQUE PUÒ FARE LA DIFFERENZA Jack Andraka, classe 1997 del Maryland, dopo la morte per tumore di suo zio passò ore su Google e Wikipedia digitando parole chiave come "cancro pancreatico", "recettori", "proteine tumorali". "Mio zio è morto di cancro al pancreas e io mi sono chiesto: perché questo tumore è così bastardo? Perché le tecniche per combatterlo hanno più di 60 anni, sono più vecchie di mio padre" ha spiegato Jack davanti alla platea dei Ted talks. "Alla fine, su Internet, ho trovato un database di 8 mila proteine che sono potenziali indicatori di questo cancro. La quattromillesima proteina era interessante: nel sangue dei malati ce n’è tantissima. Così ho ideato un test, basato su sensori e nanotubi di carbonio, per poterla individuare in fase precoce". Abirban Maitra, esperto di cancro pancreatico, lo ha chiamato nel suo laboratorio. Dopo esperimenti durati sette mesi, il test ha finalmente dimostrato di funzionare: immerso nel sangue o nell’urina segnala (come un semplice test di gravidanza) i livelli della proteina mesotelina. "In tutta questa storia c’è una cosa importante che ho imparato e che vi devo dire" ha concluso Jack. "Non conta l’età, il sesso o la razza, alla fine contano le idee. Se qualcuno che nemmeno sa di avere un pancreas, com’ero io all’inizio, comincia a usare Internet e riesce a inventare un test che costa appena tre dollari, immaginate cosa potete fare tutti voi". Per conoscere sempre qualcosa di nuovo : 👉🏻www.thedifferentgroup.com Tagga un tuo amico ! 📚 tumore medicina scienza divulgazione curiosità different bedifferent

CHIUNQUE PUÒ FARE LA DIFFERENZA Jack Andraka, classe 1997 del Maryland, dopo la morte per tumore di suo zio passò ore su Google e Wikipedia ...

Save